ULTIME NOTIZIE

ASSAD: ‘La politica francese ha contribuito alla diffusione del terrorismo’

Parla l’uomo al centro dell’attenzione mondiale Assad, il leader della Siria, che viene intervistato subito dopo le stragi a Parigi.

Quello che sta accadendo nel mondo oggi, è il risultato di politiche di colonialismo ed imperialismo, condotte da paesi occidentali come la Francia che è responsabile della caduta di Gheddafi, ciò ha provocato un terremoto nel medio oriente che ancora oggi risuona, un colpo durissimo all’indipendenza di una regione con le sue regole e le sue usanze.

Oggi ci troviamo all’alba della terza guerra mondiale che ha le sue radici alla fine della seconda guerra mondiale, con la creazione dello stato d’Israele che ha sconvolto gli equilibri di una regione estremamente fragile già divisa da secoli, da ideologie religiose immutabilmente distruttive.

C’è quindi da domandarsi questo strano rapporto tra il divino e l’umano, che arrogandosi il diritto di parlare per conto di dio dichiara guerre e ordina stermini. in antitesi con il dono che dio fa agli uomini, cioè la vita. Come dice anche il Papa, chi uccide in nome di dio sta commettendo la più grave bestemmia che si possa compiere.

Quello che è avvenuto in Francia è diretta conseguenza della destabilizzazione della Libia in primis e negli ultimi 5 anni anche della Siria ultimo baluardo prima dell’instaurazione, come la forza, di quello che dovrebbe essere il nuovo ordine mondiale. Il piano Kalergi in pieno svolgimento sta facendo diventare l’Europa una provincia africana e l’estinzione della razza caucasica ne sarà la definitiva consacrazione.

Ora sentiamo cosa dice Assad in questa intervista.

SEGUICI SU FACEBOOK:

Lascia un commento:

commenti