ULTIME NOTIZIE

Ecco come imparare in 5 minuti a vedere l’aura delle persone.

L’aura è l’energia sottile che circonda il nostro corpo, è uno strato trasparente che però in certe circostanze può essere percepito.

L’aura è un campo energetico che circonda tutti gli esseri viventi siano essi animali o vegetali.
Questo campo energetico è stato studiato da numerose culture precedenti alla nostra e tramandato nei secoli fino a noi. Negli ultimi decenni si stanno sempre più verificando quelle conoscenze antiche che però si possono oggi studiare attraverso un’occhio più scientifico. Come per la fisica quantistica che ha molti aspetti in comune con le teorie cosmiche buddiste, così anche l’aura sta tornando ad essere una componente accettata dalla scienza moderna.

Insomma lo scetticismo si sta trasformando in una solida e concreta realtà, della quale tutti possono beneficiare. Il primo modo per percepire l’aura è quello di sentire attraverso il tatto. Provate quindi ad avvicinare i palmi delle vostre mani al corpo di una persona e sentirete emanare un certo calore, ad una certa distanza da essa, i più bravi noteranno che nell’aria c’è come una parete invisibile che oppone una resistenza impercettibile, ma che i nostri sensi se allenati riescono a percepire, uno stacco tra la presenza dell’aura e la sua assenza, quello è il limite dell’aura esterna, che si distanzia dal corpo fino a 50 centimetri ed oltre se ci troviamo in stati di meditazione.

L’ altro sistema, per osservare l’aura con i nostri occhi, è quello di posizionare la persona, dalla quale scaturisce l’aura che vogliamo vedere, su una parete bianca e soffermarvi a fissare la punta del suo naso, mentre la persona resta perfettamente immobile, con la coda dell’occhio potrete vedere un alone attorno alla sua figura, quella è la sua aura.

In questo video vi mostriamo la seconda tecnica, per la prima dovrete sperimentare voi stessi, trovatevi un volontario e provate, ricordatevi che per sapere l’unico modo è fare l’esperienza direttamente:

SEGUICI SU FACEBOOK:

Lascia un commento:

commenti