ULTIME NOTIZIE

La Turchia si schiera apertamente al fianco dei Terroristi ISIS.

Il ministero della Difesa russo ha reso noto che un caccia Sukhoi-24, un bombardiere tattico a bassa quota, e’ stato abbattuto al confine tra Siria e Turchia e i due piloti sono riusciti ad eiettarsi

Il ministero, citato da Interfax, ha assicurato di poter dimostrare che il velivolo era rimasto nello spazio aereo siriano per tutta la durata del volo.

Questa è la prova che la Turchia non lotta affatto per combattere Isis. In tal caso infatti, non avrebbe abbattuto l’aereo russo avendo una causa comune. E se anche avesse davvero sconfinato, i turchi sanno bene che il caccia russo non avrebbe mai rappresentato una minaccia per la Turchia. (fonte)

ATTENTI ALLA TURCHIA

Questa mattina un caccia turco ha abbattuto un caccia russo reo, secondo il governo di Ankara, di aver invaso il loro spazio aereo.
Quelle che vedete sono la traccia satellitare del velivolo e, accanto, la stessa riportata sulla mappa. Pare evidente quindi che lo sconfinamento sia durato, si e no, qualche secondo.
Ora mi chiedo, a che gioco sta giocando la Turchia?
Vi chiedo di immaginare la scena in un altro contesto, immaginate che un nostro caccia, per errore ma addirittura anche per provocazione, sorvolasse Marsiglia per qualche secondo e la Francia, per questo lo abbattesse. Come reagirebbe l’Unione Europea? E la NATO? Pensate poi se fosse un caccia americano, apriti cielo.
E allora qualcosa non mi torna, qui stiamo parlando di un membro NATO (la Turchia) che, non soltanto aiuta l’ISIS in più modi come dimostrato ampiamente, ma, addirittura, abbatte senza alcuna mediazione un caccia, in atteggiamento non ostile, di un paese impegnato nella lotta all’ISIS.
Ora attendiamoci qualsiasi reazione…questi pazzi giocano alla guerra con le nostre vite. (fonte)

Per chi volesse partecipare al cordoglio per i piloti russi uccisi da questo attacco vile condotto dai partner dell’ISIS i turchi può usare questa immagine con la bandiera Russa e il nastro nero.

luttoperlarussia4

SEGUICI SU FACEBOOK:

Lascia un commento:

commenti