ULTIME NOTIZIE

Mandavano lettere sporche di cacca ai politici. Hanno iniziato nel 2014, ecco chi erano…

85
Condivisioni Totali

Un milanese di 70 anni e un monzese di 53 sono finiti sotto accusa per i reati di minacce e diffamazione in quanto autori di migliaia di missive anonime dal tenore minaccioso/diffamatorio, inviate a partire dal 2014 a notissimi personaggi. I due erano soliti spedire lettere minatorie o con feci a politici, calciatori, imprenditori. Fermati in flagranza da alcuni agenti della Digos, il 70enne e il 53enne erano in quel momento intenti ad imbucare lettere presso la casetta postale ubicata in prossimità dell’ufficio postale a Basiglio, nel milanese.

Successivamente, è stato perquisito il loro domicilio, a Rozzano, sempre nell’hinterland milanese, e qui sono state trovate ulteriori 110 lettere perfettamente uguali a quelle rinvenute in precedenza. Ciò ha confermato la tesi investigativa che i due fossero avvezzi a compiere quel tipo di atti minatori. Da quanto si apprende, le missive inviate contenevano tutte della carta igienica imbrattata di feci e presentavano tutte le stesse caratteristiche, vale a dire che ad esempio l’indirizzo era indicato sia in corsivo che in stampatello, utilizzando inchiostro nero e francobolli solitamente di paesi esteri (in particolare Azerbaijan, Bhutan, Zaire) riportanti come annullo postale “CMP Milano Borromeo”.

85
Condivisioni Totali

Lascia il tuo commento:

commenti