ULTIME NOTIZIE

NO EURO: in Polonia si bruciano le bandiere dell’Unione Europea.

4.8k
Condivisioni Totali

A Varsavia a in occasione della manifestazione organizzata per celebrare la rinascita della Polonia nel 1918.

Questo è quello che accade in paesi in cui hanno capito che entrare dentro alla moneta unica sarebbe un suicidio politico. Le nazioni che aderiscono all’euro sono destinate al fallimento lento ed inesorabile, dovuto alla cessione della sovranità monetaria ad un gruppo privato che poi li ricatterà come è avvenuto in Grecia, spolpando le nazioni da tutti i settori produttivi e consegnandoli al capitale privato, che si sa non è certo un ente che mira alla beneficenza e alla condivisione, ma un gruppo capitalistico dove il profitto va a scapito della dignità umana.

Nella capitale polacca presente anche una delegazione del partito dell’estrema destra ungherese, Jobbik. ‘Stop all’islamizzazione’, ‘Ieri Mosca, oggi Bruxelles ci priva della libertà’ recitavano gli striscioni portati dai più giovani che non hanno vissuto gli anni del crollo del Muro di Berlino e le migrazioni verso l’Occidente.

Diverse le cerimonie ufficiali organizzate a poche settimane dalla vittoria della destra alle elezioni politiche. Il nazionalismo polacco ha anche il suo eroe: due gli omaggi al maresciallo Jozef Pilsudski, l’ufficiale-dittatore considerato il principale architetto della riunificazione del Paese.

La mattinata era iniziata con una messa per la patria alla presenza del presidente, Andrzej Duda, dal leader del partito di governo Diritto e Giustizia, Jaroslaw Kaczynski e dalla neo premier, Beata Szydlo.

FONTE: http://www.attiviamoci.it/no-euro-in-polonia-si-bruciano-le-bandiere-dellunione-europea

4.8k
Condivisioni Totali

Lascia il tuo commento:

commenti